Articoli

Reduce dal gran debutto negli Usa, dove a fine 2021 ha demolito Eugene Lagos, il 9 aprile l’ancora imbattuto Michael “Lone Wolf” Magnesi torna a combattere in Italia. Questa volta mettendo nuovamente in palio il titolo di campione del mondo Ibo dei pesi superpiuma, vinto a novembre 2020 contro Patrick Kinigamazi e già difeso con successo lo scorso aprile spazzando via Khanyle Bulana: nell’occasione, a contendere la cintura iridata al 27enne pugile italiano sarà il 29enne messicano Dennis Contreras, soprannominato “El Martillo”. Si scontreranno nella città metropolitana di Roma Capitale, su un ring allestito presso il palasport del Comune di Civitavecchia.

Forte di un record di venti vittorie in altrettanti match, il Lupo solitario è carico: «Indietreggerò solo per prendere la rincorsa, mai per arrendermi», annuncia attraverso i suoi canali social. Pronto per un’ulteriore vetrina internazionale che, in caso di conferma della corona, accorcerà la strada verso il prossimo step della carriera di Magnesi, l’assalto a una seconda cintura mondiale. Ma intanto Contreras (24-11-1), atleta originario di Guadalajara e di provata esperienza. «Un altro pugile non facile», sottolineano dal Team Magnesi. «Ha vinto quasi sempre per ko, e tra il 2020 e il 2021 è stato detentore della cintura Wba Fedecentro dei pesi piuma. Tra le caratteristiche che lo contraddistinguono, c’è la durezza dei colpi che è capace di assestare. Il suo soprannome non viene a caso, è un picchiatore».

Non solo l’atteso incontro iridato con Magnesi protagonista. Il 9 aprile a Civitavecchia ci sarà spazio anche per il mondiale giovanile Ibo dei pesi leggeri, che vedrà incrociare i guantoni di Christian Gasparri e del colombiano Santiago Garces. Nel sottoclou, poi, gli incontri di Yuri Lupparelli, Patrizio Santini, Luca D’Ortenzi e Pietro Rossetti. La riunione è stata organizzata dalla Bbt di Davide Buccioni, dalla A&B Events di Alessandra Branco e dalla DiBella Entertainment del manager americano Lou DiBella, con il patrocinio del Comune ospitante, della Regione Lazio e della Federazione pugilistica italiana. Main sponsor dell’evento la catena di caffetterie Le Cinéma Café, da anni anche sponsor personale di Magnesi.

Per informazioni e ticket: www.boxol.it

L’atmosfera si scalda per Michael “Lonewolf” Magnesi, campione mondiale dei pesi superpiuma IBO. Il 23 aprile nel palazzetto di Valle Martella a Zagarolo, vicino Roma, il sudafricano campione del continente Khanyle Bulana tenterà di sfilargli la cintura in un match che si annuncia già di per sé un evento nell’evento.

È stato ufficializzato il nome del primo avversario di Michael “Lonewolf” Magnesi in terra americana: il match che sancirà l’esordio del pugile laziale negli Usa sarà contro Eugene Lagos, atleta filippino che vanta un record fatto di 16 vittorie (11 per ko), 5 sconfitte e 3 pareggi. A fare da cornice alla sfida, in agenda l’11 novembre, gli studi Paramount di New York.

Detentore dal novembre 2020 del titolo mondiale Ibo dei pesi superpiuma, Magnesi (19 vittorie su altrettanti incontri) è pronto a raggiungere gli Stati Uniti con un obiettivo ben chiaro: conquistare altre cinture iridate. Riuscendo magari, combattimento dopo combattimento, a riunificare le cinque sigle di riferimento della boxe professionistica. Un progetto ambizioso guidato da passione e talento, e portato avanti anche in nome del padre.

Non fosse stato per una sorta di sfida fatta da ragazzino con l’amato genitore, infatti, il 26enne atleta nativo di Cave (RM) avrebbe appeso i guantoni al chiodo da un pezzo: «Tra me e lui c’era una promessa: avrebbe sconfitto il cancro, purché io non mollassi lo sport. Avevo solo 17 anni e quando doveva operarsi avevo deciso di lasciare» ha raccontato su Rai 1 il 26enne atleta Le Cinéma Café, ospite del salotto di “Oggi è un altro giorno”.

«Uno dei migliori talenti che io abbia mai visto e gestito», le parole rilasciate dal manager Davide Buccioni alla Federazione Pugilistica Italiana. «Michael andrà in America non da sconosciuto pugile in cerca di fortuna, ma da campione del mondo con la voglia di confermarsi, affermarsi sui palcoscenici a stelle e strisce, e continuare a collezionare cinture iridate»

Venerdì 27 novembre il pugile laziale Michael Magnesi, che mandando al tappeto lo sfidante Patrick Kinigamazi ha ottenuto la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.

Venerdì 27 novembre il pugile laziale Michael Magnesi, che mandando al tappeto lo sfidante Patrick Kinigamazi ha ottenuto la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.

L’atmosfera si scalda per Michael “Lonewolf” Magnesi, campione mondiale dei pesi superpiuma IBO. Il 23 aprile nel palazzetto di Valle Martella a Zagarolo, vicino Roma, il sudafricano campione del continente Khanyle Bulana tenterà di sfilargli la cintura in un match che si annuncia già di per sé un evento nell’evento.

Venerdì 27 novembre il pugile laziale Michael Magnesi, che mandando al tappeto lo sfidante Patrick Kinigamazi ha ottenuto la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.

Venerdì sera, nel palasport di Fondi, il pugile laziale Michael Magnesi, che vanta da anni una grande amicizia con Roberto Massarone, ha conquistato la sua prima cintura mondiale, quella IBO, mandando al tappeto in appena cinque riprese lo sfidante Patrick Kinigamazi.

La cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma è stata vinta dal pugile italiano Michael “Lone Wolf Magnesi”, che conferma la propria imbattibilità.

Dopo il rinvio di alcune settimane per la positività al Covid-19 di Kinigamazi, è ormai tutto pronto per la gara che assegnerà la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.