Dopo quello negli Usa, per Michael “Lone Wolf” Magnesi ecco il debutto in terra inglese. A breve il 27enne pugile italiano salirà sul ring a Manchester, mettendo in palio la cintura mondiale Ibo dei pesi superpiuma contro l’irlandese d’origine italiana Anthony Cacace, attuale campione britannico.

Come annunciato dalla Queensberry Promotions di Frank Warren, società organizzatrice della riunione, per Magnesi la terza difesa del titolo iridato conquistato nel 2020 avrà luogo il prossimo 24 settembre nella suggestiva cornice della AO Arena.

«Non ho mai smesso di allenarmi, sono super carico e pronto per andare a casa di Cacace a dimostrare ancora una volta che il campione del mondo sono io», dice sicuro il fighter griffato Le Cinéma Café. «Certo, non sarà un match facile. Da un certo punto in poi non ne esistono. Ma questa sfida spalancherà le porte per altre grandi occasioni di livello internazionale, e so che non posso sbagliare proprio adesso».

A firmare la parte promozionale dell’evento è l’americana DiBella Entertainment, mentre quella manageriale è curata dalla Bbt Production e dalla A&B Events.

Con una rosa profondamente rinnovata, dopo la cavalcata che ha portato alla promozione la Vis Fondi si appresta a esordire nella massima serie di calcio a 5 femminile. «Un obiettivo inseguito con insistenza negli ultimi anni, un traguardo spesso mancato non per demeriti, o meglio non solo per demeriti», sottolineano l’allenatore Emilio Cibelli e il direttore sportivo Ermanno Ferraro. «Ma nella stagione 2021/2022 la squadra è stata più forte di tutto, in un girone complicato e con trasferte a centinaia di chilometri di distanza».

Ora il sogno serie A, a cui la compagine pontina si affaccia con un gruppo rivoluzionato: «Grazie a realtà imprenditoriali come il main sponsor Le Cinéma Café, che ci ha sostenuto anche nel trionfo della scorsa stagione, abbiamo puntato ad allestire una squadra di alto livello e dal piglio sempre più internazionale», spiegano dalla società.

Il mercato estivo ha portato la marchigiana Cristina Cagiorgna dal Padova, la spagnola Alba Diaz dal Taranto, l’olandese ex Bitonto Nancy Loth e la connazionale Jennifer Oliveira, ex Feyenoord e Città di Capena, nonché una certezza come l’universale brasiliana Jessica Will, ultima stagione all’Athena Sassari.

Le nuove arrivate si uniscono a chi la promozione l’ha voluta fortemente e conquistata sul campo. Ragazze provenienti da Fondi, Monte San Biagio, Terracina, Prossedi, Itri, Roma, Pomezia, Benevento: «Ci sono la ‘Poetessa del futsal’ Pamela Guercio, la locomotiva Jessica Zomparelli, Arianna Pacchiarotti, che ritrova la massima serie dopo l’esperienza di Ferentino, ‘Capitan futuro’ Giulia Popolla e Roberta Iarriccio, per diverse stagioni miglior portiere dell’A2 e pronta a confermarsi anche in quella alle porte. Senza dimenticare le giovani Chiara Di Sauro e Dalila D’Adamo. Sarà un’avventura bellissima e difficile». La preparazione inizia il 22 agosto, mentre l’esordio in campionato è per il 18 settembre: il calendario è stato appena sorteggiato, con le ragazze fondane che alla prima giornata saranno impegnate nella difficile trasferta abruzzese in casa del Tikitaka, una delle compagini pretendenti al titolo.

Michael “Lone Wolf” Magnesi resta imbattuto e si riconferma per la terza volta campione mondiale IBO dei pesi Superpiuma, titolo detenuto dal 2020 (quando lo conquistò in quel di Fondi).

Sabato sera, nella cornice del palazzetto dello sport di Civitavecchia, il 27enne pugile italiano è riuscito a mantenere per la seconda volta consecutiva la cintura iridata messa in palio battendo lo sfidante messicano Dennis Contreras, soprannominato “El Martillo”.

Un match durissimo, con i due pugili che se le sono date di santa ragione. Ma al 5° round Magnesi ha tirato fuori i colpi del campione e ha mandato il messicano al tappeto per due volte di fila vincendo per ko tecnico dopo 59 secondi della quinta ripresa.

«Ringrazio il pubblico che mi è venuto a vedere. Sapevamo che l’avversario era difficile da affrontare. Ci sono stati dei momenti un po’ duri, ma siamo campioni del mondo. Il 5 giugno volo in Australia per difendere questo titolo, poi provo la riunificazione con le altre sigle», le prime parole di Magnesi a fine match.

Una vittoria, l’ennesima, che oltre al pubblico non poteva non entusiasmare lo staff del boxeur laziale. Dalla moglie e promoter Alessandra Branco al manager Davide Buccioni, passando per i tecnici e per l’amico fraterno e main sponsor con Le Cinéma Café Roberto Massarone, che ha caldo ha commentato: «Michael è un numero uno sia nello sport e nella vita. Con la sua determinazione adesso andiamo a caccia delle altre sigle».

Reduce dal gran debutto negli Usa, dove a fine 2021 ha demolito Eugene Lagos, il 9 aprile l’ancora imbattuto Michael “Lone Wolf” Magnesi torna a combattere in Italia. Questa volta mettendo nuovamente in palio il titolo di campione del mondo Ibo dei pesi superpiuma, vinto a novembre 2020 contro Patrick Kinigamazi e già difeso con successo lo scorso aprile spazzando via Khanyle Bulana: nell’occasione, a contendere la cintura iridata al 27enne pugile italiano sarà il 29enne messicano Dennis Contreras, soprannominato “El Martillo”. Si scontreranno nella città metropolitana di Roma Capitale, su un ring allestito presso il palasport del Comune di Civitavecchia.

Forte di un record di venti vittorie in altrettanti match, il Lupo solitario è carico: «Indietreggerò solo per prendere la rincorsa, mai per arrendermi», annuncia attraverso i suoi canali social. Pronto per un’ulteriore vetrina internazionale che, in caso di conferma della corona, accorcerà la strada verso il prossimo step della carriera di Magnesi, l’assalto a una seconda cintura mondiale. Ma intanto Contreras (24-11-1), atleta originario di Guadalajara e di provata esperienza. «Un altro pugile non facile», sottolineano dal Team Magnesi. «Ha vinto quasi sempre per ko, e tra il 2020 e il 2021 è stato detentore della cintura Wba Fedecentro dei pesi piuma. Tra le caratteristiche che lo contraddistinguono, c’è la durezza dei colpi che è capace di assestare. Il suo soprannome non viene a caso, è un picchiatore».

Non solo l’atteso incontro iridato con Magnesi protagonista. Il 9 aprile a Civitavecchia ci sarà spazio anche per il mondiale giovanile Ibo dei pesi leggeri, che vedrà incrociare i guantoni di Christian Gasparri e del colombiano Santiago Garces. Nel sottoclou, poi, gli incontri di Yuri Lupparelli, Patrizio Santini, Luca D’Ortenzi e Pietro Rossetti. La riunione è stata organizzata dalla Bbt di Davide Buccioni, dalla A&B Events di Alessandra Branco e dalla DiBella Entertainment del manager americano Lou DiBella, con il patrocinio del Comune ospitante, della Regione Lazio e della Federazione pugilistica italiana. Main sponsor dell’evento la catena di caffetterie Le Cinéma Café, da anni anche sponsor personale di Magnesi.

Per informazioni e ticket: www.boxol.it

L’atmosfera si scalda per Michael “Lonewolf” Magnesi, campione mondiale dei pesi superpiuma IBO. Il 23 aprile nel palazzetto di Valle Martella a Zagarolo, vicino Roma, il sudafricano campione del continente Khanyle Bulana tenterà di sfilargli la cintura in un match che si annuncia già di per sé un evento nell’evento.

È stato ufficializzato il nome del primo avversario di Michael “Lonewolf” Magnesi in terra americana: il match che sancirà l’esordio del pugile laziale negli Usa sarà contro Eugene Lagos, atleta filippino che vanta un record fatto di 16 vittorie (11 per ko), 5 sconfitte e 3 pareggi. A fare da cornice alla sfida, in agenda l’11 novembre, gli studi Paramount di New York.

Detentore dal novembre 2020 del titolo mondiale Ibo dei pesi superpiuma, Magnesi (19 vittorie su altrettanti incontri) è pronto a raggiungere gli Stati Uniti con un obiettivo ben chiaro: conquistare altre cinture iridate. Riuscendo magari, combattimento dopo combattimento, a riunificare le cinque sigle di riferimento della boxe professionistica. Un progetto ambizioso guidato da passione e talento, e portato avanti anche in nome del padre.

Non fosse stato per una sorta di sfida fatta da ragazzino con l’amato genitore, infatti, il 26enne atleta nativo di Cave (RM) avrebbe appeso i guantoni al chiodo da un pezzo: «Tra me e lui c’era una promessa: avrebbe sconfitto il cancro, purché io non mollassi lo sport. Avevo solo 17 anni e quando doveva operarsi avevo deciso di lasciare» ha raccontato su Rai 1 il 26enne atleta Le Cinéma Café, ospite del salotto di “Oggi è un altro giorno”.

«Uno dei migliori talenti che io abbia mai visto e gestito», le parole rilasciate dal manager Davide Buccioni alla Federazione Pugilistica Italiana. «Michael andrà in America non da sconosciuto pugile in cerca di fortuna, ma da campione del mondo con la voglia di confermarsi, affermarsi sui palcoscenici a stelle e strisce, e continuare a collezionare cinture iridate»

Venerdì 27 novembre il pugile laziale Michael Magnesi, che mandando al tappeto lo sfidante Patrick Kinigamazi ha ottenuto la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.

Venerdì 27 novembre il pugile laziale Michael Magnesi, che mandando al tappeto lo sfidante Patrick Kinigamazi ha ottenuto la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.

L’atmosfera si scalda per Michael “Lonewolf” Magnesi, campione mondiale dei pesi superpiuma IBO. Il 23 aprile nel palazzetto di Valle Martella a Zagarolo, vicino Roma, il sudafricano campione del continente Khanyle Bulana tenterà di sfilargli la cintura in un match che si annuncia già di per sé un evento nell’evento.

Venerdì 27 novembre il pugile laziale Michael Magnesi, che mandando al tappeto lo sfidante Patrick Kinigamazi ha ottenuto la cintura mondiale IBO dei pesi superpiuma.