La pianta del caffè

La pianta del caffè

In pochi conoscono com’è fatta la pianta del caffè. Perché oggettivamente, siamo più abituati a vederlo estratto in una tazzina al bar, che in una piantagione.

La pianta del caffè è un arbusto della famiglia delle Rubiacee, può essere appartenente a circa 60 specie del genere Coffea, delle quali la più conosciuta è la Coffea Arabica, che fornisce i frutti migliori ed è la più coltivata ed è caratterizzata da piccole bacche verdi a forma di ciliegia che, maturando, diventano di colore rosso acceso. 

chicchi sono estratti dal frutto con un processo lungo e laborioso. Vengono selezionati accuratamente, trattati, miscelati ed infine tostati e macinati, prima di diventare caffè

L’estrazione dei semi si effettua o con il procedimento a secco, che prevede la raccolta dei frutti, la loro essiccazione nel patio, la frantumazione e pulizia; o a bagno nell’acqua (metodo lavato), attraverso la depolpazione a macchina dei frutti, il bagno nell’acqua dei semi che agevola l’ulteriore pulitura ed una breve fase di fermentazione, ed infine l’asciugatura o essiccamento all’aperto, al sole. 

Il caffè lavato, ottenuto per via umida, è di qualità superiore, più pregiato e potenzialmente più ricco di aromi sviluppatisi nella fase di tostatura. I chicchi vengono poi selezionati, separati e classificati per grandezza, colore, qualità, presenza di difetti. La prima degustazione è un momento molto importante: avviene nel paese di produzione e serve a determinare la qualità e il prezzo del prodotto. A questo punto il caffè “crudo” o “verde” è pronto per l’esportazione. I chicchi ottenuti, che non devono contenere un’umidità superiore al 12%.

Successivamente vengono imballati in sacchi di juta, generalmente da 60 chili l’uno, caricati e trasportati tramite le navi verso tutti i paesi importatori. L’habitat naturale del caffè è la fascia tropicale, ad un’altezza variabile tra 200 e 2000 metri: clima caldo umido e piogge abbondanti. 

Due sono le specie di Coffea coltivate e commercializzate: la Coffea Arabica e la Coffea Canephora, comunemente detta Robusta. La prima predilige il clima d’alta quota, cresce tra i 900 e i 2000 metri d’altitudine, è più delicata, ma ha anche le qualità migliori dal punto di vista organolettico. Con tutte le sue varietà (Moka, Bourbon, Catuai, Maragogype ecc.) rappresenta i tre quarti della produzione mondiale. La seconda, come dice il nome, è più resistente, cresce in pianura, tra i 200 e i 600 metri d’altitudine, e richiede meno attenzioni; per questo arriva sul mercato a prezzi decisamente inferiori. Diverse sono anche le caratteristiche del prodotto finale. 

I caffè Arabica sono dolci, piuttosto corposi, ricchi di aroma e leggermente acidi. Il loro contenuto di caffeina varia dall’1,1% all’1,7%. I caffè Robusta, invece, sono più corposi, poco profumati, astringenti e con gusto amaro più persistente. Il loro contenuto di caffeina, inoltre, è quasi doppio e varia tra il 2% e il 4%.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche questi articoli